Fabrizio Caligara

Info

Nome: Fabrizio Caligara

Data di nascita: 12/04/2000

Luogo di nascita: Borgomanero

Nazionalità: Italia

Squadra attuale: Olbia

Squadra di appartenenza: Cagliari

Ruolo: centrocampista

Piede: sinistro

Altezza: 1,80

 

 

 

                                                                                                                                                          Carriera

Fabrizio nasce a Borgomanero in Piemonte e calcisticamente cresce prima nell’Inter e poi nella Pro Vercelli da dove passa nel 2013 alla Juventus con cui fa la trafila delle leve agonistiche fino ad arrivare in primavera in cui sotto la guida di Fabio Grosso e Alessandro dal Canto completa la sua maturazione a livello giovanile. Una data che va sottolineata è il 12 settembre 2017 quando Allegri lo fa debuttare nella prima squadra bianconera al Campo Nou in occasione della partita di Champions League contro il Barcellona. Nel gennaio 2018 viene acquisito a titolo definitivo dal Cagliari che in estate lo gira all’Olbia in serie C dove ha ad ora collezionato solo tre presenze a causa di un grave infortunio che l’ha reso disponibile solo a marzo.

caligara 2

 

Caratteristiche Tecniche

Caligara è un centrocampista centrale che può agire sia come interno che come mediano davanti alla difesa. Il ruolo in cui è stato più impiegato è quello di interno sinistro in un centrocampo a tre. Come tutti i giovani alle prime esperienze col calcio dei grandi il suo posizionamento in campo nello scacchiere tattico della squadra è ancora in fase di elaborazione. E’ un giocatore che ha bisogno della densità e dell’intensità del gioco per mettere alla luce il suo dinamismo sia in fase di recupero palla sia in possesso dove predilige il gioco corto o la verticalizzazione rasoterra. E’ dotato di un buon mancino con cui può battere anche i calci piazzati ma deve imparare a sfruttare maggiormente la qualità del suo piede in rifinitura e zona gol. Per giocare come perno del centrocampo deve sviluppare i tempi di gioco nella costruzione dell’azione.
La qualità nella pressione e contrasto all’avversario e la facilità di palleggio lo indicano come un prospetto che a soli 19 anni ha importanti margini di crescita. Purtroppo la stagione all’Olbia è stata per ora sfortunata e non è riuscito ad incamerare molto minutaggio, ma da quando tornato disponibile mister Filippi l’ha subito messo in campo ad indicazione del suo potenziale come detto anche da Allegri nel 2016 quando lo indicava insieme a Kean come il miglior prospetto delle leve 2000 bianconere.

 

Condividi:
Facebook
Twitter
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *